Possiamo ancora credere nella Cina?

Possiamo ancora credere nella Cina?

Michael Santi

Anche meglio di Mao, superando Lenin, Xi Jinping sta metodicamente costruendo un culto intorno a sé. Spesso predicando una sorta di misticismo orientale, circonfuso da dottrine marxiste, egli beneficia dell’aura del maestro, che la Cina non ha mai smesso di glorificare dalla fine degli anni Settanta. Descrivendo Marx come “il più grande pensatore dell’umanità”, Xi e il Partito Comunista Cinese stanno di fatto lanciando un monito ai loro detrattori, chiamati a capire che la Cina e i suoi valori non saranno mai assorbiti o diluiti in un Occidente che considerano in declino. In realtà è il contrario, poiché l’accesso cinese al sistema e alle organizzazioni internazionali viene utilizzato come leva per spiegare e dimostrare alle nazioni stanche, di una certa arroganza occidentale, che esiste un’altra strada.

Poiché Xi e il Partito Comunista ritengono che il loro modello superi ampiamente tutto ciò che viene praticato nel mondo, mirano a far aderire “la razza umana” a una “comunanza di destino” riproducendo all’infinito – almeno sulla Terra – il proprio sistema, con l’aiuto di un progetto superiore che salverà l’Umanità. Questo messianismo cinese, che ovviamente prevede l’instaurazione di un autoritarismo di Stato, al di sopra del quale troneggerà un Partito Comunista onnipotente, non nutre altro che disprezzo per la democrazia perché – secondo Xi – “la governance globale è impossibile senza guidare il modo in cui le persone pensano”, secondo un documento recentemente diffuso dal Comitato Centrale Cinese. Questo credo comunista esorta a predare il libero mercato e il capitalismo per raggiungere una situazione di unificazione “organica” tra Stato e mercato, dove le diverse culture ed etnie siano chiamate a fondersi sotto a una leadership cinese, che dovrebbe omogeneizzare questo insieme eterogeneo. Pertanto, l’odio dei comunisti cinesi nei confronti dello stile di vita occidentale (largamente influenzato dal modello americano) non lascia loro altra alternativa che la “vittoria totale”, secondo la loro stessa espressione.

Tuttavia, i cinesi dovranno rivedere il proprio modello, per lo meno mettere seriamente in discussione i loro processi decisionali, poiché le misure pericolose e gli altri esperimenti decretati a partire dal 2020 hanno buone probabilità di ricordare alla memoria delle loro ambizioni sproporzionate la presenza di una gravità sul punto di riportarli sulla terra in modo brutale. Conflitti, recentemente accompagnati da brutalità poliziesche, virus fuggito da un laboratorio con disastrose ripercussioni universali, mercato immobiliare nazionale che crolla sotto al peso della loro goffaggine, caccia alle streghe contro i loro fiori all’occhiello tecnologici, PIL negativo, Stato carente: tanti shock che sarà molto difficile spiegare – non a un mondo esterno che ora guarda la Cina con divertito stupore – ma a un’opinione interna che batte i piedi o addirittura si sente soffocare. In ogni caso, il Partito Comunista Cinese dimostra – sia internamente che esternamente – che la sua onnipotenza e infallibilità erano solo dei miti.

Michael Santi

Visitate regolarmente il mio blog per conoscere gli ultimi sviluppi sulla geopolitica e sulla finanza globale: https://michelsanti.fr/en

Trappole per turisti a Siracusa?

Trappole per turisti a Siracusa?

 

Siamo appena rientrati da una settimana in Sicilia, dove abbiamo girato in automobile, esplorando questa isola magnifica. Pensiamo che con una adeguata guida a livello regionale e comunale potrebbe trasformarsi nella Svizzera del Mediterraneo. Abbiamo ammirato monumenti straordinari e davvero il popolo siciliano è grande, cortese e ospitale.

Avevamo pubblicato un libro che documenta il sogno siciliano di una piena autonomia, scritto dal nostro Elio Insacco, medico inviato con l’esercito italiano in zone di guerra attorno al mondo, che ci ha ben preparati alla nostra visita. Abbiamo visitato la magnifica azienda vinicola “Principe di Butera”, a Butera, in provincia di Caltanissetta. Vino delizioso, e ambienti curatissimi, ma la strada per arrivarci ci ha ricordato certi angoli del Tibet, sia per via dei paesaggi che delle profonde buche!

Unico neo fra tante positive impressioni è stata una multa presa a Siracusa, che ci pare davvero bizzarra. Pare una trappola per turisti. Avevamo parcheggiato la nostra auto in Via Von Platen. A lato della strada erano indicati, in fila, rettangoli per i posti macchina. Un solo era disponibile con sotto uno sbiadito segno di passaggio pedonale. Dopo qualche esitazione abbiamo deciso di parcheggiare, pensando che il segno di parcheggio annullava il passaggio pedonale, altrimenti che significato avrebbe avuto quel rettangolo bianco stampato sopra?

 

Al ritorno del nostro giro, dopo tre ore, abbiamo trovato la multa, che abbiamo provveduto a pagare quella stessa sera. L’impressione è davvero che quella sia una trappola per turisti.

 

 

 

Giunta PD a Verona, oppure Giunta Opus Dei?

Giunta PD a Verona, oppure Giunta Opus Dei?

Si racconta che il PD abbia espugnato Verona. Eppure i suoi attivisti non mostrano un eccessivo entusiasmo per la vittoria.
Anzi, alcuni di loro sono oggettivamente infuriati per le scelte fatte dal sindaco, Damiano Tommasi, e cominciano a sospettare di essere stati usati come dei taxi.
Damiano Tommasi non si era mai dichiarato di sinistra, o vicino al PD e ad alcuni dei loro cavalli di battaglia, come il gender e lo jus soli, ma aveva piuttosto  mantenuto un cauto silenzio, sfoggiando costantemente un enigmatico sorriso, che ci ricordava la Gioconda.
La rabbia degli attivisti PD dopo le sue scelte per le posizioni nella giunta sono comprensibili. Questa vede il predominio di membri, simpatizzanti o aderenti, della Opus Dei. Anche il vecchio sindaco, Federico Sboarina, era un Opus Dei, ma le scelte di Tommasi, attivo membro Opus Dei, paiono essere state guidate più dalla sua appartenenza all’ordine creato da San Josemaria Escrivà, che alla partitica.
Niente di male, anzi, tranquillizzante, essendo l’Opus Dei un ordine benefico di grande spessore morale, che fa tutto alla luce del sole. Dobbiamo dimenticare Il Codice da Vinci, scritto da quel analfabeta di ritorno di Dan Brown.

 

 

La donna americana che inventò il sacchetto di carta per la spesa, Margaret Knight

La donna americana che inventò il sacchetto di carta per la spesa, Margaret Knight

Se avete mai portato a casa la spesa in un sacchetto di carta, potete ringraziare Margaret E. Knight. È un nome che quasi sicuramente non avete mai sentito, associato a un’invenzione che sembra troppo ovvia per essere notata. Ma il sacchetto di carta marrone è una delle tante comodità moderne che, banale col senno di poi, non era affatto scontata prima del suo concepimento. Il sudore e il sacrificio che il suo creatore ha sopportato per portare questo oggetto apparentemente semplice nelle nostre vite merita la nostra ammirazione. In un’epoca in cui si presumeva che le donne non fossero abbastanza intelligenti per inventare qualcosa, Margaret Knight ha dimostrato un’energica determinazione nel realizzare il suo ingegno e nel non permettere ad altri di prendersi il merito del suo lavoro originale.

Il padre morì poco dopo la sua nascita, nel 1838, lasciando la famiglia in povertà. Ma lasciò qualcosa, una vecchia cassetta degli attrezzi, e da questo contenitore sbocciò l’attitudine naturale della giovane “Mattie”. La usò per costruire giocattoli per i suoi fratelli e per i bambini del posto, ricordando in seguito: “Ero famosa per i miei aquiloni e le mie slitte erano l’invidia e l’ammirazione di tutti i ragazzi della città”. In un quaderno intitolato “Le mie invenzioni”, iniziò l’abitudine di disegnare le sue idee per tutta la vita.

All’età di 12 anni, lasciò la scuola per lavorare in una fabbrica tessile, sopportando ore estenuanti in condizioni spaventose. Un giorno, un filo si spezzò su una macchina vicina, causando il distacco di una navetta con la punta d’acciaio (la parte del telaio utilizzata per tessere i fili). Una ragazza che viveva accanto a Mattie fu colpita alla testa e gravemente ferita, un evento fin troppo comune nei cotonifici dell’epoca. Mattie abbozzò una soluzione al problema sul suo quaderno, che prevedeva l’aggiunta di una protezione metallica alla piastra della scatola che avrebbe impedito a una navetta di volare fuori dal suo binario. Mostrò il disegno a un operaio di un’officina meccanica locale, che fece passare l’idea ai piani alti dell’azienda. Ben presto questa “protezione per la navetta” divenne un accessorio standard nei telai di tutta la nazione. Mattie, tuttavia, non ricevette alcun compenso per la sua invenzione salvavita, poiché era troppo giovane per registrarla.

Continuò a lavorare nello stabilimento fino all’età di 18 anni, poi si dilettò in vari mestieri nei 10 anni successivi: dagherrotipia, fotografia, incisione, tappezzeria e riparazione di case, tra gli altri. Ma fu dopo la guerra civile che trovò il lavoro che le cambiò la vita: una macchinista presso la Columbia Paper Bag Company di Springfield, nel Massachusetts. In quell’occasione, ricevette due terzi del salario dei dipendenti maschi che svolgevano lo stesso lavoro; si pensava che le donne non solo fossero meno competenti degli uomini con i macchinari, ma che indossassero anche abiti “discutibili” che occupavano troppo spazio e costituivano un pericolo per il posto di lavoro.

Durante il suo impiego presso l’azienda, studiò le macchine e notò le carenze nella loro efficienza, oltre ai problemi del sacchetto di carta dell’epoca, che aveva la forma di una busta e non poteva stare in piedi né reggere molto peso senza strapparsi. Nei due anni successivi, lavorando nel seminterrato della sua abitazione, procedette ad abbozzare miglioramenti e a realizzare modelli elementari per i suoi progetti. Quando arrivò il momento di realizzare un prototipo in legno, Knight aprì la vecchia cassetta degli attrezzi del padre. L’aveva tenuta con sé per tutti questi anni, portandola con sé ovunque andasse, per mantenere vivo il suo ricordo. Utilizzando solo gli oggetti arrugginiti di questo caro cimelio in decomposizione, costruì un dispositivo in grado di tagliare, piegare e incollare con successo la carta per realizzare le borse a fondo piatto che oggi conosciamo bene. Si trattava di una macchina che poteva svolgere il lavoro di trenta operai in una frazione del tempo. Questi nuovi sacchetti potevano stare in piedi e reggere più peso di quelli prodotti attualmente, rivoluzionando potenzialmente il settore, se solo Knight fosse riuscito ad acquisire i diritti necessari per vendere la macchina.

Intenzionata a ottenere un brevetto, si recò in un’officina meccanica di Boston e diede istruzioni per far costruire un modello in ferro dal suo prototipo in legno. Dopo aver fatto ciò, si recò all’ufficio brevetti, solo per scoprire che qualcun altro aveva presentato un progetto per la stessa invenzione pochi giorni prima. La Knight rimase sconcertata e poi indignata. Venne a sapere che un uomo di nome Charles F. Annan si era recato spesso all’officina meccanica, aveva studiato il prototipo della Knight con l’inganno e lo aveva spacciato per suo.

La donna intentò una causa contro Annan, utilizzando gli ultimi risparmi per assumere un avvocato. Durante un processo durato più di due settimane, la donna spese cento dollari al giorno (nella valuta del 1870), mentre i testimoni venivano chiamati a testimoniare la priorità dell’invenzione della Knight. La difesa cercò di costruire un caso contro di lei basato sull’inferiorità femminile, con Annan che dichiarò sotto giuramento che “la signorina Knight non poteva assolutamente comprendere le complessità meccaniche della macchina”. Per controbattere a queste accuse, la Knight salì sul banco dei testimoni e disse alla corte: “Fin dai miei primi ricordi ho avuto a che fare in qualche modo con i macchinari”. Descrisse la sua storia di impiego nel settore manifatturiero prima di mostrare le cianografie, i primi modelli del progetto e le annotazioni intime del diario che descrivevano i progressi del suo lavoro nell’arco di due anni.

Di fronte alla prova che una donna aveva effettivamente inventato l’oggetto, l’avvocato della difesa cercò di far pendere il caso a favore di Annan sostenendo che era passato troppo tempo tra l’ideazione della macchina da parte di Knight e la richiesta di brevetto. Il processo avrebbe dovuto durare mesi, non anni. Gli esaminatori dell’Ufficio Brevetti, tuttavia, hanno tenuto conto degli ostacoli legati alle circostanze e al sesso della Knight, aggiungendo che quest’ultima aveva esercitato una “diligenza adeguata” di “carattere notevole” nel portare a termine il suo progetto. Il giudice le diede ragione e chiuse il caso con l’osservazione: “Il signor Annan sarà per sempre disonorato nella storia”.

Dopo il processo, la Knight attirò l’attenzione internazionale. Rifiutò un’offerta di 50.000 dollari per l’acquisto del brevetto e si associò con un finanziatore per aprire la Eastern Paper Bag Company. L’accordo commerciale prevedeva un pagamento anticipato, oltre a royalties su ogni borsa prodotta e azioni della società.

Nei quattro decenni successivi, Knight si allargò nei settori delle calzature, della gomma e delle automobili. Ottenne brevetti per (tra le altre cose) una macchina che tagliava le suole delle scarpe, pneumatici “non sdrucciolevoli”, un motore a combustione interna e un motore rotativo soprannominato “Knight Silent Motor”. Tra le altre invenzioni figurano una numeratrice, una macchina che produceva ante di finestre e uno “scudo per abiti e gonne”. Al momento della sua morte, avvenuta nel 1914, possedeva 22 brevetti a suo nome, e le sono attribuite altre 65 invenzioni, grazie a brevetti detenuti dai suoi investitori e datori di lavoro. Dopo la sua morte, avvenuta all’età di 76 anni, un necrologio locale la definì “la donna Edison”.

In un’intervista del 1872 al “Woman’s Journal”, alla Knight fu chiesto come una donna priva di istruzione formale avesse potuto inventare la sua macchina per sacchetti di carta. In risposta, citò la sua predisposizione innata:

“Stavo solo seguendo la natura. Da bambina non mi sono mai interessate le cose che di solito fanno le ragazze; le bambole non hanno mai avuto alcun fascino per me. … Le uniche cose che desideravo erano un coltello a serramanico, una pinza e dei pezzi di legno. Le mie amiche erano inorridite”.

Conclude dicendo: “Non sono sorpresa di quello che ho fatto; mi dispiace solo di non aver avuto la stessa possibilità di un ragazzo”. In un’epoca in cui il ruolo della donna non era associato all’imprenditorialità e in cui le poche inventrici presenti sul mercato presentavano per lo più brevetti legati alla sfera domestica (nascondendo poi il loro sesso sui documenti del brevetto), la Knight stava contribuendo all’industria manifatturiera con il proprio nome. La sua storia di successo la rende una delle prime donne a incarnare il sogno americano di raggiungere la prosperità materiale attraverso la creatività e la diligenza.

Il design del sacchetto di carta ha subito alcuni miglioramenti da quando la Knight ha brevettato la sua macchina. In particolare, le versioni odierne hanno lati pieghettati che rendono la piegatura più compatta. In sostanza, però, sono rimasti gli stessi e Knight sarebbe ancora in grado di riconoscere la sua invenzione che, a più di 150 anni dal suo brevetto, è ancora ampiamente utilizzata ovunque. La prossima volta che andrete a fare la spesa, pensate all’inventrice Margaret Knight.

 

Questo articolo è stato pubblicato originariamente sulla rivista American Essence da Andrew Benson Brown

Marito e moglie in casa, secondo un manuale per gentiluomini del 1881

Marito e moglie in casa, secondo un manuale per gentiluomini del 1881

Questo è un estratto di “Our Deportment”, un codice di buone maniere per la società raffinata di John H. Young A.M., pubblicato nel 1881. Lo proponiamo nella speranza di promuovere una condotta da gentiluomini tra gli uomini e le donne, giovani e meno giovani, nel mondo di oggi, spesso squilibrato.

 

La casa è il regno della donna e lì regna sovrana. Abbellire quella casa, rendere felice la vita del marito e dei suoi cari affidati alla sua fiducia, è l’onorato compito che spetta alla moglie. Sia lode a colei che governa e governa in quel regno in modo tale che coloro che sono cresciuti sotto il suo tetto “si alzeranno e la chiameranno benedetta”.

UNA CASA.

Dopo il matrimonio, uno dei primi requisiti per la felicità è una casa. Questa si trova raramente in una pensione o in un albergo, e non sempre sotto il tetto dei genitori del marito o della moglie. Il più delle volte si trova in una casa o addirittura in un cottage, al di fuori dell’immediata frequentazione di parenti o amici, conoscenti o estranei, e qui marito e moglie possono iniziare concretamente quella nuova vita di cui hanno sognato con affetto; e dalle loro azioni deve dipendere il loro futuro benessere.

LA COMPAGNIA A CASA.

Marito e moglie dovrebbero ricordare, quando iniziano la loro nuova vita matrimoniale, che saranno compagni di vita, che l’affetto che hanno posseduto ed espresso come amanti deve maturare in una devozione a vita per il benessere e la felicità l’uno dell’altro, che l’amicizia più stretta deve nascere dal loro primo amore e che ognuno deve vivere e lavorare per l’altro. Devono cercare di essere compagni congeniali l’uno all’altro, in modo che ogni ora trascorsa insieme sia reciprocamente piacevole. Devono cercare di avere gli stessi gusti, in modo che ciò che piace all’uno sia piacevole anche per l’altro, e ciò che è sgradevole per uno non lo sia meno per l’altro. Ognuno deve cedere nelle questioni in cui è giusto cedere, ed essere fermo solo quando si tratta di dovere. Con una salda fiducia l’uno nell’altro, essi devono sempre rimanere, affinché ciascuno possa dire al mondo: “Possiedo una persona sul cui carattere e sul cui cuore posso appoggiarmi come su una roccia”.

COMPORTAMENTO DI MARITO E MOGLIE.

Nessuno dei due deve mai ingannare l’altro o fare qualcosa per scuotere la fiducia dell’altro, perché una volta ingannato, il cuore non può più fidarsi completamente. Il riconoscimento dei difetti deve essere fatto solo con critiche dolci e moderate, e poi con parole amorevoli e sguardi piacevoli. Accettate le debolezze dell’altro e allo stesso tempo cercate di reprimerle reciprocamente. Per migliorare reciprocamente, marito e moglie dovrebbero ricevere e dare correzioni l’uno all’altro in uno spirito di gentilezza, e così facendo si prepareranno per l’opera che Dio dà ai genitori di formare vite utili qui e nell’aldilà. Il loro motto deve essere “fedele fino alla morte in ogni cosa” e devono essere tolleranti con le peculiarità dell’altro.

Entrambi devono mantenere una stretta sorveglianza sulla lingua, in modo che nessuno dei due possa pronunciare qualcosa di scortese, sprezzante o severo, e sorvegliare il loro temperamento, in modo che nessuno dei due possa mai appassionarsi o diventare imbronciato o moroso in presenza l’uno dell’altro. Non devono pretendere troppo l’uno dall’altro; se uno dei due si offende, è compito dell’altro perdonare, ricordando che nessuno è esente da difetti e che tutti siamo costantemente in errore.

Se per caso, dopo aver affrontato la dura realtà della vita, scoprono di aver commesso un errore, di non essere ben affiatati, devono accettare l’inevitabile e resistere fino alla fine, “nella buona e nella cattiva sorte”, perché solo così possono trovare consolazione per aver scoperto, troppo tardi, di non essere adatti a una compagnia che duri tutta la vita. Un giornalista ha detto: “Nessuna lezione appresa con l’esperienza, per quanto acutamente insegnata e tristemente guadagnata, può illuminare i sensi intorpiditi che l’amore ha addormentato con il suo fascino magico; e le cose chiare come il sole in cielo per gli altri sono oscure come la notte, insondabili come il mare, per coloro che si lasciano amare prima di provare”.

DOVERI DELLA MOGLIE NEI CONFRONTI DEL MARITO.

La moglie deve ricordare che il dovere di rendere felice la casa ricade in gran parte su di lei. Non deve fare nulla per far sentire il marito a disagio, né mentalmente né fisicamente, ma d’altra parte deve sforzarsi al massimo di fare tutto ciò che è meglio calcolato per fargli piacere, mostrandogli continuamente che il suo amore, promesso sull’altare, rimane saldo e che nessuna vicissitudine della fortuna può cambiarlo o diminuirlo.

Non deve mai abbandonarsi a scatti d’ira, a crisi isteriche o ad altre abitudini di cattiva educazione che, sebbene facili da vincere all’inizio, crescono e si rafforzano con l’indulgenza, se vuole mantenere il marito come amante e amico più caro e vicino. Per quanto riguarda l’abbigliamento e l’aspetto personale, la donna dovrebbe essere ordinata e pulita sia a casa che in società, e le sue maniere nei confronti del marito dovrebbero essere altrettanto gentili e piacevoli sia quando è sola con lui che in compagnia. Deve tenere presente che mantenere la buona opinione del marito vale molto di più che ottenere la buona opinione di centinaia di devoti della società, e che come possiede l’amore e la fiducia del marito, così riceverà il rispetto e la stima di tutti i suoi amici.

Dovrebbe stare attenta a non confidare ad altri i piccoli malintesi o i piccoli litigi tra lei e il marito, se dovessero verificarsi. Questo è il metodo più sicuro per allargare la rottura dell’armonia che può verificarsi tra marito e moglie, perché più si parla di queste incomprensioni e più si ricevono consigli dai suoi confidenti, meno è probabile che i rapporti armoniosi vengano ripresi rapidamente.

LA MOGLIE COME COMPAGNA DI VITA.

Una moglie dovrebbe agire apertamente e onorevolmente per quanto riguarda le questioni di denaro, tenendo un resoconto esatto delle sue spese e guardandosi accuratamente da ogni stravaganza; e mentre il marito è industriosamente al lavoro, dovrebbe cercare di incoraggiarlo, con la sua stessa frugalità, a essere economico, parsimonioso, intraprendente e prospero nei suoi affari, in modo che possa essere meglio in grado, con il passare degli anni e con le preoccupazioni familiari che premono più pesantemente su ciascuno, di permettersi tutti i comfort e forse alcuni dei lussi di una casa felice. Nessuna condizione è disperata se la moglie possiede fermezza, decisione ed economia, e nessuna prosperità esteriore può contrastare l’indolenza, la follia e la stravaganza in casa. La moglie deve conoscere l’indole e i gusti del marito e cercare di condurlo a pensieri alti e nobili, a scopi elevati e a comodità temporali; deve essere sempre pronta a dargli il benvenuto a casa e, in sua compagnia, distogliere i suoi pensieri dagli affari e condurlo al godimento delle comodità e della felicità domestica. L’influenza di una buona moglie sul marito può essere molto grande, se la esercita nella giusta direzione. Dovrebbe, soprattutto, studiare per imparare l’indole del marito e se, per caso, si trovasse unita a un uomo dal temperamento rapido e violento, è necessaria la massima discrezione e una perfetta equanimità da parte sua, perché dovrebbe avere un controllo così perfetto su se stessa da calmare gli spiriti turbati.

I DOVERI DI UN MARITO.

Non si deve pensare che spetti solo alla moglie rendere felice la vita coniugale e la casa. Deve essere sostenuta nei suoi nobili sforzi da colui che l’ha strappata al focolare dei genitori e agli amici gentili per essere la sua compagna nel pellegrinaggio della vita. L’ha sistemata in una nuova casa, dotata di tutte le comodità che i suoi mezzi gli consentono, e l’intera corrente delle loro vite è cambiata. Il suo dovere costante nei confronti della moglie è quello di essere sempre gentile e attento, di amarla come ama se stesso, anche sacrificando il proprio benessere personale per la sua felicità. Dal suo affetto per lei dovrebbero nascere un’amicizia e un affiatamento che non si possiedono per nessun’altra persona. Le sue serate e i suoi momenti liberi devono essere dedicati a lei e devono essere utilizzati per il loro progresso intellettuale, morale e sociale.

Le preoccupazioni e le ansie degli affari non dovrebbero escludere le attenzioni dovute alla moglie e alla famiglia, mentre lui dovrebbe tenerla accuratamente informata sulla situazione dei suoi affari. Molte mogli sono in grado di dare al marito consigli importanti su vari dettagli della sua attività e, se conoscono la situazione dei suoi affari finanziari, saranno in grado di regolare le loro spese di conseguenza.

È dovere del marito unirsi alla moglie in tutti i suoi sforzi per istruire i figli, rimandare a lei tutte le questioni relative alla loro disciplina, aiutandola in questo senso quando lo richiede. Nelle faccende domestiche la moglie ha un ruolo predominante ed egli non deve mai interferire con l’autorità e il governo di lei in questa sfera. È suo dovere e dovrebbe avere il piacere di accompagnarla in chiesa, agli incontri sociali, alle conferenze e nei luoghi di intrattenimento che entrambi apprezzano. In effetti, non dovrebbe partecipare a un incontro sociale se non accompagnato dalla moglie, né andare a un intrattenimento serale senza di lei. Se il luogo non è adatto alla moglie, non lo è nemmeno per lui.

Se da un lato deve dare alla moglie la sua perfetta fiducia nella sua fedeltà, confidando implicitamente nel suo onore in ogni momento e in ogni luogo, dall’altro deve rimanere fedele e costante con lei, senza darle motivo di lamentarsi. Dovrebbe passare inosservato ogni sgradevole particolarità ed errore, avendo cura al momento opportuno, e senza offendere, di ricordarglielo, con l’idea di farglielo correggere. Non deve mai cercare di farle abbandonare le sgradevoli abitudini o peculiarità che può avere, ridicolizzandole. Dovrebbe incoraggiarla in tutti i suoi progetti per promuovere il benessere della sua famiglia o nei lodevoli sforzi per promuovere la felicità degli altri, impegnandosi in quelle opere di benevolenza e carità che i doveri della sua casa le permetteranno di compiere.

Il marito, infatti, dovrebbe comportarsi nei confronti della moglie come un perfetto gentiluomo, considerandola come la “migliore donna del paese”, alla quale, al di sopra di tutti gli altri esseri terreni, deve la massima fedeltà. Se si sforzerà di agire in questo modo, il suo buon senso e il suo giudizio gli detteranno le tante piccole cortesie che le sono dovute e che ogni buona moglie non può non apprezzare. L’osservanza delle regole di cortesia non è più auspicabile che nella cerchia domestica, tra marito e moglie, genitori e figli.

Nancy Pelosi risponde all’Arcivescovo Cordileone, che le aveva negato la comunione per le sue posizioni pro aborto. Va dal Papa, e se questo non bastasse chiederebbe all’Onnipotente…

Nancy Pelosi risponde all’Arcivescovo Cordileone, che le aveva negato la comunione per le sue posizioni pro aborto. Va dal Papa, e se questo non bastasse chiederebbe all’Onnipotente…

 

Nancy Pelosi e il marito Paul, in una vecchia foto.
Nancy Pelosi, che si trova a Roma per una vacanza, ieri, 29 giugno,  ha partecipato alla liturgia per la festa dei Santi Pietro e Paolo nella Basilica vaticana e secondo alcuni testimoni li presenti avrebbe ricevuto l’Eucaristia durante la messa presieduta da Papa Francesco. Questo nonostante il precedente divieto da parte dell’arcivescovo Salvatore Cordileone di San Francisco, la diocesi della Pelosi, per via del suo esplicito sostegno all’aborto.
Con ciò ha probabilmente voluto indicare che lei risponde direttamente al capo della Chiesa Cattolica e non a un semplice Arcivescovo. Nata Nancy D’Alesandro e figlia e sorella di sindaci di Baltimora e anche membri del congresso statunitense, sta in Parlamento dal 1987.
Il marito, Paul Pelosi, era forse in cerca di una speciale benedizione dopo il suo arresto alla fine del maggio scorso per guida in stato di ebrezza alcoolica.  Nancy Pelosi è stata oggi ospite della Comunità di Sant’Egidio a Roma, dove ha incontrato delle famiglie di profughi afghani e ucraini.  Vestita di nero, accompagnata dal presidente di Sant’Egidio, Marco Impagliazzo, è stata accolta dall’ambasciatore degli Stati Uniti presso alla Santa Sede, Joe Donnelly.

 

Il Sindaco Sboarina passerà al primo turno. Un nostro sondaggio lo dà al 63%

Il Sindaco Sboarina passerà al primo turno. Un nostro sondaggio lo dà al 63%

Il nostro Giornale Cangrande ha condotto una propria indagine indipendente, a Verona, per prevedere l’esito delle comunali del 12 giugno. Il risultato ha sorpreso tutta la nostra redazione.

Federico Sboarina vien proiettato al 63%.

Flavio Tosi viene secondo con il 20% dei voti

Damiano Tommasi raccoglie con  un deludente 15%.

Le altre liste non supereranno l’1%

Percentuale di veronesi che si recheranno a votare: 71%

Margine errore: 3%

Fonte: AUDV

Un Nuovo straordinario Film con Anthony Hopkins sta per uscire: ZERO CONTACT

Un Nuovo straordinario Film con Anthony Hopkins sta per uscire: ZERO CONTACT

Questa settimana uscirà al cinema un film diverso da tutti gli altri e, francamente, molto interessante sotto a diversi punti di vista. E’ stato magistralmente interpretato da Sir Anthony Hopkins e abbiamo potuto dare uno sguardo al film, con una clip estesa rilasciata oggi e che vede l’attore contemplare una serie di diversi punti di vista sugli esseri umani, sulla condizione umana e sulla nostra esistenza su questo pianeta, passata e futura.

Finley Hart è un eccentrico genio a capo di una grossa società di ricerca dati. Alla sua morte, cinque ricercatori, fra i quali suo figlio, vengono contattati da un’entità sconosciuta, come se fosse la mente di tutti i computer funzionanti, una sorta di Al di 2001 Odissea nella Spazio, capace di viaggiare nel tempo. La sua presa di contato viene seguita da una serie di eventi terrificanti, che però mettono i cinque nella necessità di usare i poteri dell’entità per entrare nel tempo oppure di uscirne.

Il film è girato uno sfondo stranamente surreale che ci è familiare (il lock down durante la pandemia), con uno strato di tensione subliminale che è difficilmente spiegabile. Nella clip di Zero Contact vediamo Anthony Hopkins seduto in quella che sembra essere una galleria d’arte, con l’attore al pianoforte che suona una melodia. Hopkins fornisce anche una voce fuori campo intitolata “Life is Strange” che parla di come siamo fatti, ma anche di come siamo stranamente fuori controllo sia per quanto riguarda il nostro esseri umani, che per quanto riguarda il nostro destino nel mondo.

Zero Contact è un film molto diverso per una serie di ragioni, due delle quali hanno a che fare con la produzione e con la distribuzione. Per cominciare, il film, diretto da Rick Dugdale, è stato girato durante l’apice della pandemia di Covid-19, con Anthony Hopkins e altri attori catturati tramite Zoom. Il concetto di “zero contact” si riferisce, in modo non secondario, alla tempistica dell’opera, evidenziando la natura isolazionista di questo periodo della nostra vita. Ma si tratta anche di elementi di viaggio nel tempo, con gli “agenti” che cercano di risolvere un mistero legato alla morte di Finley Hart, interpretato da Hopkins.

L’altro aspetto del film, che rende Zero Contact diverso, è che è stato originariamente distribuito come NFT. Alla fine, i diritti complessivi sono stati acquisiti dalla Lionsgate.

L’84enne Anthony Hopkins è una delle leggende viventi di Hollywood, essendo stato al top della sua professione per decenni. Ma questo non sarà il suo ultimo film. È previsto che reciti anche in The Son, con Hugh Jackman, in uscita a fine anno. E reciterà anche in L’ultima seduta di Freud, attualmente in fase di pre-produzione. Inoltre, questa non è l’ultima volta che vedremo Zero Contact, visto che sono previsti due nuove uscire che seguiranno questo film.

Come vari scienziati hanno già indicato, il maggior pericolo per l’umanità non è dato dalla proliferazione atomica, o dai virus ma piuttosto dal crescente strapotere dell’intelligenza artificiale, che potrebbe decide di terminare l’uomo, ritenendoci ormai superflui.

 

 

Ordine nei libri o ordine nella casa?

Ordine nei libri o ordine nella casa?

Le due cose sono in apparente contrasto, questo è innegabile.

Avete mai udito la volgare accusa: “Se ti siedi su tutti i libri che hai letto, ti troverai con il culo per terra”?

Ebbene, visitate la casa di tale culoterrista e scoprirete che il più delle volte è pulita, ordinatissima e perfettamente razionale.

Mancando le finanze per mantenere un maggiordomo e una serva, ogni intellettuale si trova di fronte a tale dilemma: decidere se tenere in ordine la casa, con gli elefantini d’argento lucidi e le cornici orientate giuste e ben spolverate, oppure impiegare ogni minuto libero per tentare la missione, quasi impossibile, di arrivare a leggere tutti i libri che val la pena di leggere – forse qualche migliaio – e poi rileggere più e più volte la dozzina di libri che val la pena di memorizzare e sui quali meditare? Sant’Agostino, uno degli uomini più colti mai esistiti, non può aver letto più di 200 libri, come del resto Leonardo Da Vinci.

Tale problema è difficilmente risolubile, mancando il necessario supporto monetario, e porta via molte energie ai grandi lettori.

Husky siberiano aiuta gattino sull’orlo della morte e ora sono amici

Husky siberiano aiuta gattino sull’orlo della morte e ora sono amici

Un husky siberiano e un gattino hanno formato un legame incredibilmente forte da quando si sono incontrati, quasi sette anni fa.  E ora sono grandi amici.

Rosie, una gattina a pelo lungo e di razza mista, aveva solo 2 settimane e mezzo quando è stata trovata malata e denutrita per le strade di San Jose, California, da Thi Bui, co-fondatrice del gruppo Mini Cat Town. Vedendo il felino in condizioni così critiche, vicino al loro centro di adozione, Thi l’ha raccolta dalla strada e ha iniziato a prendersi cura di lei.

“Quasi non ce l’ha fatta a superare la prima notte anche con cure prestate 24 ore su 24 ore. La nostra bella gattina era molto letargica e denutrita”.

Thi decise di presentare Rosie alla loro husky siberiana Lilo, e gli ha permesso di coccolarla. Fortunatamente, Rosie ha iniziato a star vicina a Lilo, e quest’ultima ha assunto il ruolo di madre. Lilo, è un cane testardo, ed è stata subito molto interessata a Rosie.

“Dopo che sono state messi insieme, Lilo era molto attenta, la leccava per pulirla dopo i pasti e lasciava persino che Rosie si nutrisse da lei, anche se non c’era latte”, ha detto Thi.

Dopo alcune settimane di cure e amore, Rosie si è ripresa e le è stata messa un’imbracatura per fare la sua prima passeggiata con i cani. Qualche mese dopo, vedendo il suo legame inseparabile con Lilo, Thi ha deciso di adottarla.

“Sarebbe stato crudele separare l’amore che avevano l’uno per l’altra”, ha detto Thi. “Credo che fosse il giugno del 2015 e abbiamo formalizzato ufficialmente la sua adozione”.

Negli ultimi anni, la personalità di Rosie è cresciuta. La gattina di 7 anni, impertinente, curiosa e intelligente, secondo Thi, ti fa sapere quando qualcosa non le piace, con un morso di avvertimento o un colpo di zampa.

“Non le piace nemmeno essere lasciata indietro e manifesta il suo malcontento se la lasciamo a casa”, ha detto Thi. Per quanto riguarda Lilo, ora 9, e Rosie, ora 7, non interagiscono con altri animali di casa, stanno sempre insieme.

“Amano sonnecchiare insieme, giocare, fare viaggi in macchina e vivere insieme avventure all’aperto, come escursioni, kayak, paddleboard, viaggi in macchina e appendere la testa fuori dal finestrino durante i viaggi in macchina”, ha detto Thi.

“Grazie al loro legame, siamo stati in grado di salvare la vita a oltre 1.200 gattini a Mini Cat Town, e ora, stiamo per aprire il nostro secondo piano di adozione nella Bay Area”, ha detto Thi. “Ci sentiamo incredibilmente grati e felici per il sostegno di tutti nell’amare Lilo, Rosie e tutti i gattini che salviamo”.