La verità sull’ivermectina. Funziona…a dispetto dei depistaggi.

La verità sull’ivermectina. Funziona…a dispetto dei depistaggi.

 

 

L’ivermectina è stata acclamata come “farmaco miracoloso” e, secondo il World Science Report dell’UNESCO, è un componente fondamentale di “una delle campagne di salute pubblica più trionfali mai condotte nei Paesi in via di sviluppo”.Tuttavia, dall’inizio della pandemia di COVID-19, il National Institutes of Health (NIH) e le autorità sanitarie affiliate hanno raccomandato a gran voce di non utilizzare l’ivermectina come potenziale trattamento del virus.

Sebbene la Food and Drug Administration (FDA) abbia approvato l’ivermectina per l’uso umano nel trattamento di condizioni causate da parassiti, ha anche insistito sul fatto che l’ivermectina “non si è dimostrata sicura o efficace” quando si tratta di trattare il COVID-19. In un messaggio sui social media che è diventato virale, la FDA l’ha definita un farmaco per cavalli e non adatto al consumo umano: “Tu non sei un cavallo. Non sei una mucca. Seriamente, tutti voi. Smettetela”.

Non sei un cavallo. Non sei una mucca. Sul serio, voi tutti. Smettetela. https://t.co/TWb75xYEY4

– FDA (@US_FDA) 21 agosto 2021

Il post ha fatto rumore ed è stato una delle campagne di maggior successo della FDA sui social media. Tuttavia, i risultati della ricerca sembrano contraddire le raccomandazioni dell’organizzazione per la salute pubblica.

Eppure, un numero crescente di ricerche dimostra che l’ivermectina è un trattamento essenziale per il COVID-19. Molti medici hanno elogiato il farmaco per le sue caratteristiche. Molti medici hanno lodato il farmaco per le sue ampie ma efficaci proprietà antiparassitarie, antivirali, antibatteriche, antinfiammatorie, antitumorali e autofagiche.

L’ivermectina si è fatta conoscere per i suoi notevoli benefici nel trattamento delle infezioni parassitarie.

Nel 1973, Satoshi Omura e William C. Campbell, lavorando con l’Istituto Kitasato di Tokyo, trovarono un insolito tipo di batterio Streptomyces nel terreno giapponese vicino a un campo da golf.

Nel corso di studi di laboratorio, Omura e Campbell scoprirono che questo batterio Streptomyces poteva curare i topi infettati dal verme rotondo Heligmosomoides polygyrus. Campbell isolò i composti attivi del batterio, denominandoli avermectine, e il batterio fu così chiamato S. avermitilis.

Nonostante decenni di ricerche in tutto il mondo, i ricercatori non hanno ancora trovato un altro microrganismo in grado di produrre avermectina. È stata la modifica di uno dei legami dell’avermectina attraverso un processo chimico a produrre l’ivermectina, che si è dimostrata efficace nel trattamento dell’oncocercosi e della filariosi linfatica, entrambe malattie debilitanti comuni nei Paesi in via di sviluppo.

Sebbene le sue ampie funzioni antiparassitarie non siano ben comprese, è noto che l’ivermectina penetra nel sistema nervoso dei parassiti, spegnendo le azioni dei loro neuroni, possibilmente disattivandoli e uccidendoli. Nell’ambito di una campagna di donazione lanciata nel 1988 da Merck & Co., Inc. produttore dell’ivermectina, il farmaco è stato utilizzato in Africa per curare la cecità fluviale. Chiamata anche oncocercosi, la cecità fluviale è una malattia tropicale causata dai vermi Onchocerca volvulus. È la seconda causa di cecità infettiva più comune al mondo.

I vermi Onchocerca maturano nella pelle di un individuo infetto (“ospite”). Dopo l’accoppiamento, le femmine possono rilasciare nella pelle dell’ospite fino a 1.000 microfilarie al giorno; le femmine vivono da 10 a 14 anni. La presenza di questi vermi può provocare cicatrici nei tessuti e, quando le microfilarie invadono l’occhio, può provocare disturbi visivi o la perdita completa della vista. L’Organizzazione Mondiale della Sanità stima che 18 milioni di persone siano infette a livello globale e che 270.000 siano rimaste cieche a causa dell’oncocercosi.

Quando Merck ha distribuito l’ivermectina nelle aree più colpite dalla malattia, il trattamento ha giovato alla salute generale dei residenti e ha portato alla ripresa economica. L’ivermectina ha sostituito i farmaci precedenti che avevano effetti collaterali devastanti.

“L’ivermectina si è dimostrata praticamente fatta apposta per combattere l’oncocercosi”, ha scritto Omura in uno studio di cui è coautore nel 2011.

L’ivermectina si è dimostrata efficace anche contro la filariosi linfatica, nota come elefantiasi. I vermi parassiti trasmessi attraverso la puntura di una zanzara infetta possono crescere e svilupparsi nei vasi linfatici, che regolano l’equilibrio idrico del corpo. Quando alcuni vasi sono ostruiti, le aree interessate – tipicamente le gambe e i genitali – possono gonfiarsi, con le gambe che si allargano fino a diventare dei monconi simili a elefanti. Nel mondo, più di 120 milioni di persone sono infette, 40 milioni delle quali sono gravemente inabili e sfigurate. L’Organizzazione Mondiale della Sanità ha inserito l’ivermectina tra i farmaci essenziali e ha consigliato a molti Paesi di condurre campagne annuali per liberare la popolazione da questi parassiti. Tali raccomandazioni sono una solida testimonianza della sicurezza dell’ivermectina.

Per il loro lavoro, compresa la scoperta dell’avermectina, nel 2015 Omura e Campbell sono stati tra i tre destinatari del Premio Nobel per la Fisiologia o la Medicina.

Si tratta di un farmaco indispensabile per il mondo sottosviluppato, con circa 3,7 miliardi di dosi somministrate nell’ambito di campagne globali negli ultimi 30 anni. Ad oggi, l’ivermectina rimane un farmaco di base nelle aree tropicali e un farmaco essenziale per il trattamento di oncocercosi, filariosi linfatica, strongiloidiasi e scabbia.

Ivermectina e COVID-19
L’analisi degli studi sull’ivermectina ha dimostrato la sua efficacia come prevenzione, come trattamento della COVID-19 acuta e nelle fasi avanzate dell’infezione da virus.

La profilassi interviene nelle prime fasi dell’infezione da COVID-19, che è principalmente asintomatica, quando il virus si replica per aumentare la carica virale; l’insorgenza dei sintomi avviene dopo il picco della carica virale. L’ivermectina può essere efficace nelle prime fasi dell’infezione. All’esterno delle cellule, l’ivermectina può attaccarsi a parti del virus, immobilizzandolo e impedendogli di entrare e infettare le cellule umane. L’ivermectina può anche entrare nella cellula per impedire al virus di replicarsi. Il SARS-CoV-2 ha bisogno di macchinari per la replicazione cellulare per produrre più virus; l’ivermectina si attacca e blocca una proteina fondamentale per questo processo, impedendo la produzione virale. Inoltre, l’ivermectina può essere assorbita dalla pelle e conservata a lungo nelle cellule adipose.

“Poiché è solubile nei lipidi, viene immagazzinata e rilasciata lentamente, [quindi] una volta assunta una dose profilattica, e credo che la dose cumulativa sia di circa 400 mg, il rischio di contrarre la COVID è prossimo allo zero e si può effettivamente interrompere per un po’ di tempo”, ha dichiarato in un’intervista a The Epoch Times il dottor Paul Marik, specialista in cure critiche ampiamente pubblicato con 500 pubblicazioni sottoposte a revisione paritaria.

La dottoressa Sabine Hazan, gastroenterologa con 22 anni di esperienza nella ricerca clinica, ha dichiarato che consiglierebbe l’uso dell’ivermectina solo per un breve periodo nei pazienti critici, piuttosto che raccomandarne l’uso come profilassi.

L’uso continuo dell’ivermectina, come di tutti i farmaci, può rendere l’organismo dipendente dal farmaco anziché lavorare per risolvere il problema.

Numerosi studi peer-reviewed hanno rilevato che l’ivermectina, se usata da sola o in combinazione con altre terapie in pazienti sintomatici, riduce il tempo di ventilazione, il tempo di recupero e il rischio di progressione verso la malattia grave. (pdf 1, pdf 2, pdf 3). Ciò è probabilmente dovuto al ruolo antinfiammatorio dell’ivermectina in molteplici vie, ottenuto eliminando le particelle virali immobilizzandole, riducendo l’infiammazione e migliorando l’azione mitocondriale.

Supponiamo che la replicazione virale precoce non venga controllata ed eliminata abbastanza presto dal sistema immunitario dell’organismo. In questo caso, l’infezione può diventare grave o addirittura iperinfiammatoria, portando eventualmente a un’insufficienza sistemica degli organi.

L’ivermectina può anche interagire direttamente con le vie immunitarie, sopprimendo l’infiammazione e riducendo le possibilità di sviluppare una tempesta di citochine. Una tempesta di citochine si verifica quando il sistema immunitario è iperattivo e iperinfiammatorio. Sebbene l’ivermectina possa aiutare a eliminare il virus e le sue particelle, lo stato infiammatorio dei tessuti e degli organi può spesso causare più danni del virus stesso.

L’ivermectina probabilmente migliora anche la salute dell’intestino, che svolge un ruolo essenziale nell’immunità impedendo a batteri e virus di infettare le persone attraverso l’intestino.

In uno studio pubblicato, Hazan ha ipotizzato che l’ivermectina aiuti i pazienti affetti da COVID-19 aumentando i livelli di Bifidobatteri (batteri benefici) nell’intestino.

In qualità di amministratore delegato e fondatore del suo laboratorio di ricerca sul sequenziamento genetico, ProgenaBiome, Hazan ha notato che i livelli di Bifidobatteri nelle sue feci aumentavano dopo l’assunzione di ivermectina. I pazienti COVID critici avevano “zero Bifidobatteri”, che spesso possono essere un segno di cattiva salute.

Nel suo studio, sottoposto a Peer Reviw, sui pazienti ipossici, la dottoressa ha osservato che i pazienti affetti da COVID con bassi livelli di ossigeno a causa delle tempeste di citochine nei polmoni miglioravano entro poche ore dalla somministrazione dell’ivermectina.

“Quando le persone muoiono di COVID, muoiono a causa delle citochine: non riescono più a respirare. È quasi una reazione anafilattica. Quindi, quando si somministra l’ivermectina nel momento in cui stanno per crollare, si incrementano i bifidobatteri [e si aumenta l’ossigeno]”, ha detto Hazan.

Ha spiegato che l’ivermectina è un prodotto fermentato dei batteri Streptomyces. Gli Streptomyces appartengono allo stesso gruppo dei Bifidobatteri, il che potrebbe spiegare perché l’ivermectina aumenta temporaneamente i Bifidobatteri.

L’ivermectina aiuta anche la funzione mitocondriale. In caso di COVID-19 grave, i pazienti spesso presentano disfunzioni polmonari dovute all’infiammazione dei polmoni, che riducono il flusso di ossigeno. Questo può causare uno stress ai mitocondri, con conseguente affaticamento e, se grave, può causare la morte delle cellule e dei tessuti. È stato dimostrato che l’ivermectina aumenta la produzione di energia, il che indica che è benefica per i mitocondri.

Inoltre, l’ivermectina può legarsi alla proteina spike, una caratteristica strutturale distintiva del virus COVID che ha un ruolo cruciale nella sua patogenesi. Nella malattia sistemica, la proteina spike può entrare nel flusso sanguigno e legarsi ai globuli rossi per formare coaguli di sangue. L’ivermectina può impedire la formazione di coaguli di sangue nell’organismo.

Il numero di studi a sostegno dell’ivermectina per il trattamento della COVID lunga e dei sintomi post-vaccino COVID-19 è limitato. Tuttavia, i medici che trattano queste condizioni hanno osservato risultati positivi con l’ivermectina.

Uno studio argentino pubblicato nel marzo 2021 è l’unico studio peer-reviewed che valuta l’ivermectina per la COVID lungo.

I ricercatori hanno riscontrato che nei pazienti che riferivano sintomi di COVID lungo – tra cui tosse, nebbia cerebrale, mal di testa e affaticamento – l’ivermectina ha alleviato i sintomi. Meccanicamente, l’ivermectina può migliorare l’autofagia. Questo processo è di solito disattivato durante le infezioni da COVID-19. Riaccendendo l’autofagia, l’ivermectina può aiutare le cellule a eliminare le proteine virali residue, restituendo stabilità alla cellula.

Come il COVID-19 acuto e grave, anche la proteina spike cronica scatena l’infiammazione e l’ivermectina può ridurre tali risposte sopprimendo le vie infiammatorie e diminuendo i danni ai tessuti e ai vasi sanguigni.

La posizione del NIH sull’ivermectina è cambiata diverse volte.

All’inizio della pandemia, le informazioni sull’ivermectina come potenziale trattamento del virus erano scarse. Il primo studio che ha menzionato l’ivermectina come potenziale trattamento del COVID-19 è stato condotto in Australia nell’aprile 2020. I ricercatori hanno somministrato l’ivermectina a cellule renali di scimmia infettate dal SARS-CoV-2 in laboratorio e hanno riscontrato benefici del farmaco a dosi molto elevate. Tuttavia, i ricercatori hanno concluso che sono necessari ulteriori studi. Molte agenzie sanitarie, tra cui l’NIH, il CDC e altri enti regolatori della salute globale, hanno concluso che l’ivermectina può uccidere il virus solo a livelli tossici.

Ancora oggi, la dichiarazione dell’NIH sull’ivermectina per il COVID-19 recita: “È stato dimostrato che l’ivermectina inibisce la replicazione del SARS-CoV-2 nelle colture cellulari. Tuttavia, studi di farmacocinetica e farmacodinamica suggeriscono che il raggiungimento delle concentrazioni plasmatiche necessarie per l’efficacia antivirale rilevata in vitro richiederebbe la somministrazione di dosi fino a 100 volte superiori a quelle approvate per l’uso nell’uomo”.

Nell’ottobre 2020, la rivista CHEST ha pubblicato il primo studio clinico che dimostra i benefici dell’ivermectina. Lo studio ha rilevato che l’ivermectina riduce i tassi di mortalità nei pazienti affetti da COVID-19 e ha suscitato immediata attenzione. L’autore principale dello studio, il dottor Jean-Jacques Rajter, è un medico specializzato in medicina polmonare.

Rajter ha presentato una testimonianza (pdf) delle sue scoperte alla Commissione del Senato per la sicurezza interna e gli affari governativi nel dicembre 2020.

Il giorno dopo aver visto lo studio australiano, uno dei suoi pazienti COVID è peggiorato drasticamente, passando da una respirazione normale a livelli di ossigeno ambiente a una necessità di intubazione. Il figlio della paziente supplicò Rajter di salvare la madre utilizzando qualsiasi opzione disponibile. Rajter riconobbe che l’idrossiclorochina sarebbe stata inefficace negli stadi avanzati della COVID. Dopo una lunga riflessione, ha provato l’ivermectina.

“Il paziente è peggiorato come previsto per altre 12 ore circa, ma si è stabilizzato entro 24 ore ed è migliorato entro 48 ore. Successivamente, altri due pazienti hanno avuto problemi simili e sono stati trattati con il protocollo basato sull’ivermectina. In base all’esperienza, questi pazienti avrebbero dovuto avere un esito negativo, eppure sono tutti sopravvissuti”, si legge nella testimonianza.

Nel frattempo, nell’ottobre 2020, la ricerca sui vaccini COVID-19 e sull’uso del remdesivir per trattare il virus era già in pieno svolgimento. Secondo la FDA, per la concessione dell’EUA (Emergency Use Authorization) per vaccini e farmaci devono essere soddisfatti criteri specifici, tra cui la mancanza di “alternative adeguate, approvate e disponibili”. Alcuni medici sostengono che se l’uso dell’ivermectina per il COVID fosse stato approvato, avrebbe reso nulle le EUA per i vaccini e il remdesivir.

A seguito dello studio australiano, la FDA ha pubblicato una dichiarazione, “FAQ: COVID-19 e Ivermectina destinata agli animali”, in cui si evidenziava l’uso dell’ivermectina negli animali e si sconsigliava l’uso dell’ivermectina per COVID-19.

Anche il NIH ha sconsigliato l’uso dell’ivermectina, anche se per breve tempo. Il 14 gennaio 2021, l’NIH ha modificato la sua dichiarazione, scrivendo che non vi erano prove per raccomandare o disapprovare l’uso dell’ivermectina. Tuttavia, nell’aprile 2022, la dichiarazione è cambiata in una forte disapprovazione dell’uso dell’ivermectina.

“Noi [Marik, Kory e il dottor Andrew Hill, virologo e consulente dell’OMS] abbiamo tenuto una conferenza con il NIH nel gennaio del 2021. Abbiamo presentato i nostri dati e Andrew Hill ha presentato i dati che aveva realizzato… A quel punto c’erano diversi studi, che erano molto positivi”, ha detto Marik.

Nonostante la dichiarazione neutrale dell’NIH sull’ivermectina per la maggior parte del 2021, la FDA ha condotto una campagna attiva contro l’uso dell’ivermectina nei pazienti affetti da COVID-19. Il 26 agosto 2021, il CDC ha inviato un avviso di emergenza contro l’uso dell’ivermectina; poche settimane dopo, l’American Medical Association e le associazioni affiliate hanno chiesto di porre fine all’uso dell’ivermectina.

Molti medici sono stati scoraggiati dall’utilizzare l’ivermectina e le farmacie si sono rifiutate di prescriverla. Le agenzie sanitarie statali hanno messo in guardia contro l’uso dell’ivermectina e le commissioni mediche hanno rimosso le licenze dei medici che prescrivevano l’ivermectina, adducendo a motivi di disinformazione.

Tuttavia, utilizzare la dichiarazione dell’FDA contro l’ivermectina per vietarne l’uso nei casi di COVID-19 sarebbe considerato un eccesso. Poiché l’FDA ha approvato l’ivermectina nel 1996, questo ha reso il farmaco accettabile per un uso off-label.

“Il fatto che non sia approvato dalla FDA per il COVID è irrilevante, perché la FDA approva l’uso di farmaci off-label a discrezione del medico”, ha detto Marik.

Come ironico effetto collaterale del messaggio sull’ivermectina, le persone si sono improvvisamente trovate nell’impossibilità di accedere all’ivermectina e alcune si sono rivolte all’ivermectina veterinaria. Sebbene l’ivermectina veterinaria sia lo stesso prodotto dell’ivermectina medicinale, lo standard di produzione non è lo stesso dei farmaci per uso umano.

Sebbene la ricerca iniziale del 2020 abbia mostrato risultati promettenti per l’ivermectina, l’anno successivo gli studi pubblicati hanno riportato risultati contrastanti. Il NIH ha finanziato numerosi studi sull’efficacia dell’ivermectina, il più recente dei quali è l’ACTIV-6.

I soggetti possono partecipare allo studio una volta sviluppata la COVID, scegliendo l’ivermectina tra altri quattro farmaci. Il farmaco viene inviato per posta. Questo metodo significa che alcune persone nello studio potrebbero essere già guarite quando hanno ricevuto l’ivermectina. Ci sono alcune controversie riguardo a questo studio. La prima è che gli autori hanno cambiato gli endpoint primari nel corso dello studio, il che è fortemente disapprovato perché può influenzare la validità e l’affidabilità dei risultati.

Inizialmente, l’endpoint primario era il numero di decessi, ricoveri e sintomi riferiti al 14° giorno.

È stato poi modificato in numero di decessi, ricoveri e sintomi entro il 28° giorno. Nello studio effettivamente pubblicato, c’è stata un’altra modifica, con l’endpoint della durata dei sintomi COVID-19.

Una rapida revisione pubblicata dal Massachusetts Institute of Technology (MIT) ha suggerito che gli endpoint sono stati modificati perché, al momento dell’inizio dello studio, gli eventi di morte e di ospedalizzazione erano molto meno numerosi; di conseguenza, non ci sarebbero stati dati sufficienti per un confronto affidabile.

In effetti, i dati del livestream ACTIV-6 hanno mostrato che il gruppo ivermectina ha riportato un solo decesso; questo decesso non sarebbe stato considerato rilevante per la ricerca perché il paziente era stato ricoverato in ospedale ed era morto prima di assumere l’ivermectina.

FONTE: EPOCH HEALTH

Il Covid-19 è ormai come una influenza stagionale. Sono improbabili i colpi di coda.

Il Covid-19 è ormai come una influenza stagionale. Sono improbabili i colpi di coda.

Il ministro Speranza e le logge dei virologi vorrebbero che la pandemia non finisse mai. E, infatti, è ormai ufficiale che il Green Pass sarà permanente e verrà prorogato automaticamente. I dubbi sulla intrinseca anti-costituzionalità di questa inspiegabile decisione restano enormi.

Il capo del Centers for Disease Control and Prevention (CDC) è Rochelle Walensky, classe 1968. E’ figlia di Edward H. Bersoff  docente di matematica alla New York University, fondatore della BTG, Inc. e  Presidente della CTEC, Inc. La Walensky è anche docente di Medicina ad Harvard ed è una specialista in HIV/AIDS. E’ dunque estremamente qualificata per giudicare l’andamento del Covid-19. La dottoressa ha recentemente dichiarato che: “Prevedo che questo, probabilmente, sarà un virus stagionale”. Il suo commento conferma dunque che il brutto sia già alle nostre spalle.

“Potremmo dover essere più vigili in futuro, in alcune stagioni”, ha aggiunto. “Forse durante la stagione delle febbri respiratorie, se le cose peggioreranno, ci metteremo di nuovo le mascherine per proteggerci, sia dall’influenza che dal COVID e da tutte le altre malattie respiratorie”.

Già nell’estate del 2021, alcuni funzionari repubblicani, tra cui il governatore della Florida, Ron DeSantis, avevano detto che la ripresa del COVID-19 sembrava essere legata alla stagione fredda.

“Queste malattie hanno un modello”, aveva detto DeSantis a luglio. “Abbiamo visto lo schema la scorsa estate. È simile. Penso che sia iniziato un po’ più tardi. Penso che la gente dovrebbe essere preparata per questo”. Anche i funzionari dei paesi scandinavi l’anno scorso avevano iniziato a descrivere COVID-19 come una influenza stagionale.

“Siamo ora in una nuova fase in cui dobbiamo guardare il coronavirus come a una delle tante malattie respiratorie con variazione stagionali”, ha affermato il primo ministro Erna Solberg nel settembre 2021, quando era ancora primo ministro norvegese, annunciando un allentamento sulle restrizioni.

A partire da lunedì, gli Stati Uniti registrano una media di 49.569 nuovi casi di COVID-19 al giorno, secondo i dati federali, che rappresentano una diminuzione di oltre il 50% nelle ultime due settimane. Anche il numero di decessi legati al COVID è in calo.

Mentre il CDC ha recentemente mutatato la sua raccomandazione di mascherine per la maggior parte degli ambienti pubblici, l’agenzia e la Transportation Security Administration (TSA) continuano a imporle sugli aerei, negli aeroporti e sulla maggior parte dei trasporti pubblici.

Altri funzionari del CDC hanno detto alla NBC che credono che il COVID-19 probabilmente non scomparirà mai. Dall’inizio della pandemia, alcuni paesi, tra cui la Cina, la Nuova Zelanda e l’Australia, hanno perseguito una strategia “zero COVID” che secondo i critici ha innescato significative perdite economiche, che provocheranno più morti del Covd che volevano prevenire.

“Questo virus continuerà probabilmente a circolare nella nostra società, nel nostro Paese, in tutto il mondo per gli anni a venire”, ha detto il dottor Henry Walke, il direttore del Centro di preparazione e risposta del CDC, lunedì scorso. “I prossimi sei mesi, e il prossimo anno ci diranno come sarà convivere con questo virus”.

 

Angelo Paratico

Proibire i colpi di testa ai calciatori per evitare traumi e SLA

Proibire i colpi di testa ai calciatori per evitare traumi e SLA

Esisterebbe una chiara correlazione fra il gioco del calcio e l’insorgere della Sla, e i frequenti colpi di testa paiono essere la migliore spiegazione possibile.

Uno studio condotto da Elisabetta Pupillo e Ettore Beghi dell’Istituto di Ricerche Farmacologiche Mario Negri IRCCS, in collaborazione con Nicola Vanacore dell’Istituto Superiore di Sanità e con l’Associazione Italiana Calciatori ha dimostrato che l’insorgenza della Sclerosi Laterale Amiotrofica (SLA) accade percentualmente di più fra chi gioca a calcio.

Lo studio, infatti, ha confermato una diffusa convinzione: i calciatori si ammalano di Sla in misura maggiore rispetto alla popolazione generale. La ricerca era partita dall’esame di 23.586 calciatori che hanno giocato in serie A, B, C dalla stagione 1959-’60 fino a quella del 1999-2000. L’aggiornamento dello studio al 2019 ha individuato 34 casi di Sla. I più colpiti risultano essere i centrocampisti: 15; più del doppio degli attaccanti: 7; mentre i difensori sono 9 e i portieri 3 (i portieri solo di rado usano i colpi di testa). Il rischio di Sla tra gli ex-calciatori risulta essere circa 2 volte superiore a quello della popolazione generale, e il rischio sale addirittura di 6 volte analizzando la sola Serie A.

Inoltre i calciatori si ammalano di Sla in età più giovane (45 anni) rispetto a chi non ha praticato il calcio (media europea: 65.2 anni). “I dati definitivi – commenta Ettore Beghi del Dipartimento Neuroscienze dell’Istituto Mario Negri – ci dicono che le differenze sull’età d’esordio si confermano importanti. I calciatori si ammalano in media a 45 anni, cioè con 20 anni in anticipo rispetto al resto della popolazione. La motivazione purtroppo non è ancora chiara”.
Pensiamo che la spiegazione vada ricercata nei traumi causati dai colpi di testa, che possono produrre micro lesioni al cervello.
Pertanto pensiamo opportuna una modifica al regolamento calcistico con il bando dei colpi di testa, che andrebbero fischiati come falli, come si fa normalmente con i tocchi di mano e di braccio.
Il Giappone mette in guardia i vaccinandi circa il pericolo di miocarditi. Usano la massima trasparenza possibile.

Il Giappone mette in guardia i vaccinandi circa il pericolo di miocarditi. Usano la massima trasparenza possibile.

Il Giappone ha preso provvedimenti per informare i propri cittadini circa i possibili gravi effetti collaterali legati alle iniezioni di vaccino contro il COVID-19. Hanno aggiunto un’etichetta alle iniezioni, avvertendo del rischio di miocardite – infiammazione del muscolo cardiaco che può causare sintomi simili a un attacco di cuore, tra cui dolore al petto, mancanza di respiro, battito cardiaco anomalo e affaticamento.

Mentre lo U.S. Centers for Disease Control and Prevention affermano sul loro sito web: “La miocardite e la pericardite sono state segnalate raramente, soprattutto negli adolescenti e nei giovani maschi adulti entro diversi giorni dalla vaccinazione COVID-19”.

Inoltre, nel giugno 2021, la Food and Drug Administration degli Stati Uniti ha aggiunto un avvertimento alle schede informative per pazienti e fornitori per i vaccini Pfizer e Moderna sul “suggerito aumento dei rischi di miocardite (infiammazione del muscolo cardiaco) e pericardite (infiammazione del tessuto che circonda il cuore) dopo la vaccinazione”.

A differenza degli Stati Uniti, tuttavia, il Giappone sta prendendo misure per monitorare e segnalare tutti gli effetti collaterali ai vaccini senza precedenti. Il Giappone ha severi requisiti di segnalazione per gli effetti collaterali del vaccino. In Giappone, sono in vigore requisiti legali di segnalazione per gli effetti collaterali che si verificano entro 28 giorni dalla ricezione di un’iniezione di COVID-19. Gli ospedali devono segnalare, in dettaglio, tutti gli effetti avversi che si verificano in quel periodo di tempo. La stessa solerzia non si vede in Europa.

Il Ministero della Salute giapponese riferisce che, al 14 novembre 2021, per ogni milione di maschi che hanno ricevuto l’iniezione di Moderna COVID-19, 81,79 giovani tra i 10 e i 19 anni hanno sviluppato miocardite o pericardite, così come 48,76 uomini di 20 anni.

Per il vaccino COVID-19 della Pfizer, 15,66 su 1 milione di maschi tra i 10 e i 19 anni che hanno ricevuto il vaccino hanno sofferto di miocardite o pericardite, insieme al 13,32 dei maschi sui 20 anni. A causa del rischio di miocardite, il Comitato congiunto britannico per le vaccinazioni e le immunizzazioni (JCVI) ha raccomandato di non fare iniezioni di COVID-9 per i ragazzi sani dai 12 ai 15 anni. Il membro del JCVI Adam Finn ha detto a Reuters:

“… il numero di casi gravi che vediamo di COVID nei bambini di questa età sono davvero molto piccoli. Ci sono incertezze sulle implicazioni a lungo termine della (miocardite), e questo rende il rapporto rischio-beneficio per questi bambini davvero molto stretto e molto più stretto di quanto saremmo a nostro agio a fare la raccomandazione”.

Negli Stati Uniti, dove le iniezioni di COVID-19 sono raccomandate dai 5 anni in su, il CDC ha dichiarato che sta “conducendo indagini sui pazienti (o sui loro genitori o tutori) e sui fornitori di assistenza sanitaria per raccogliere informazioni sulla miocardite dopo la vaccinazione mRNA COVID-19” e “contattando le persone che soddisfano la definizione di caso di miocardite dopo la vaccinazione mRNA COVID-19”.

A partire dall’8 dicembre 2021, 1.908 segnalazioni di miocardite o pericardite sono stati riportati al Vaccine Adverse Event Reporting System (VAERS) in seguito ai vaccini COVID-19, in genere tra gli adolescenti maschi e i giovani adulti. Il 17 dicembre 2021, solo 51 giorni dopo aver approvato le iniezioni per i bambini dai 5 agli 11 anni, il CDC ha riferito di aver ricevuto finora segnalazioni di otto casi di miocardite in quel gruppo di età.

Nella sua lettera di approvazione per Comirnaty (l’iniezione COVID-19 di Pfizer), la FDA ha ordinato a Pfizer di condurre una ricerca per indagare il rischio di infiammazione dentro e intorno al cuore, poiché i meccanismi di segnalazione volontaria sono insufficienti.

La FDA ha accettato il calendario suggerito da Pfizer per lo studio post-approvazione per valutare l’incidenza dell’infiammazione del cuore e del sacco cardiaco, che include la presentazione di un rapporto intermedio alla fine di ottobre 2023, una data di completamento dello studio del 30 giugno 2025 e la presentazione di un rapporto finale il 31 ottobre 2025.

In netto contrasto con gran parte del resto del mondo, il Giappone si oppone alla vaccinazione obbligatoria. Il Ministero della Salute giapponese include una sezione “consenso alla vaccinazione” sul suo sito web, che afferma che la vaccinazione obbligatoria e la discriminazione contro coloro che scelgono di non essere vaccinati non sono consigliate. Questo include i luoghi di lavoro, ai quali viene detto di non forzare nessuno a farsi iniettare:

“Anche se incoraggiamo tutti i cittadini a ricevere la vaccinazione COVID-19, non è obbligatorio. La vaccinazione sarà data solo con il consenso della persona da vaccinare dopo le informazioni fornite.

Si prega di vaccinarsi di propria decisione, comprendendo sia l’efficacia nella prevenzione delle malattie infettive che il rischio di effetti collaterali. Nessuna vaccinazione sarà data senza consenso. Per favore non costringete nessuno sul vostro posto di lavoro o quelli che vi circondano ad essere vaccinati, e non discriminate quelli che non sono stati vaccinati”.

La pagina si collega anche alla “consulenza sui diritti umani in lingua straniera”, che dettaglia cosa fare in caso di discriminazione da vaccino sul posto di lavoro. Il Giappone si sta distinguendo come un protettore del consenso informato e della libertà medica, in un momento storico in cui molti altri paesi stanno optando per il controllo totalitario. La Fondazione Rair ha spiegato:

“I medici di tutto il mondo hanno fatto eco agli avvertimenti delle autorità sanitarie giapponesi sugli effetti collaterali delle terapie geniche. Tuttavia, questo tipo di consenso informato è costato a molti medici delle nazioni occidentali la licenza di praticare la medicina. Il governo ha accusato questi medici di diffondere “l’esitazione del vaccino”.

Inoltre, mentre il Giappone permette ai suoi cittadini di scegliere se farsi iniettare le terapie geniche sperimentali, altri paesi stanno obbligando i cittadini a ricevere il vaccino. Per esempio, nel febbraio 2022, l’Austria renderà obbligatorie le iniezioni. I cittadini che si rifiutano dovranno affrontare pesanti multe e fino a un anno di prigione”.

Ricercatori giapponesi avvertono di coaguli di sangue, sorte dopo le iniezioni.
Rapporti di trombosi del seno venoso cerebrale e di emorragia intracranica (ICH) sono stati riportati in seguito alle iniezioni di COVID-19, inclusi casi fatali e non fatali. In un commento pubblicato sul Journal of Pharmaceutical Policy and Practice, i ricercatori giapponesi hanno rivelato che, a partire da maggio 2021, sono stati segnalati 10 decessi in seguito alle iniezioni – e il modo in cui le morti hanno sollevato una bandiera rossa.

Tra i cinque uomini che sono morti, è stato per cause diverse dall’ictus, ma quattro delle cinque donne che sono decedute sono morte per ICH. “Questo squilibrio è incompatibile con i dati di mortalità sulle malattie cardiovascolari nelle statistiche nazionali, che non mostrano alcuna disparità apparente tra i sessi o tra ictus emorragico e ischemico” hanno comunicato.

La loro analisi ha rivelato “un’incidenza sproporzionatamente alta di morte per ICH nelle donne giapponesi che hanno ricevuto tozinameran [il COVID0-19 di Pfizer], suggerendo una potenziale associazione di ICH con il vaccino”. Credono anche che un nesso causale tra le morti per ICH e l’iniezione sia possibile e richieda ulteriori studi. Altri hanno anche avvertito che la formazione di coaguli di sangue con i vaccini mRNA è inevitabile.

Le iniezioni di mRNA COVID-19 influenzano il tuo corpo a livello cellulare. In ogni dose di Moderna COVID-19 ci sono 40 trilioni di molecole di mRNA – o RNA messaggero. Ogni “pacchetto” di mRNA è progettato per essere assorbito nella tua cellula, ma solo il 25% rimane nel tuo braccio nel luogo dell’iniezione. L’altro 75% viene raccolto dal sistema linfatico e immesso nella circolazione, ha detto il dottor Charles Hoffe, un medico di famiglia di Lytton, British Columbia.

Le cellule dove l’mRNA viene assorbito sono quelle intorno ai vasi sanguigni – la rete capillare, che sono i vasi sanguigni più piccoli del corpo. Quando l’mRNA viene assorbito nell’endotelio vascolare – il rivestimento interno dei capillari – i “pacchetti” si aprono e i geni vengono rilasciati. Ogni gene può produrre molte proteine spike COVID-19, e il tuo corpo si mette al lavoro per produrre queste proteine spike, in numero di trilioni.

Il tuo corpo riconosce la proteina spike come estranea, quindi inizia a produrre anticorpi per proteggerti dal COVID-19, o almeno così dice la teoria. Ma c’è un problema. In un coronavirus, la proteina spike diventa parte della capsula virale, dice Hoffe, ma quando ti fai l’iniezione, “non è in un virus, è nelle tue cellule”. La proteina spike, a sua volta, può portare allo sviluppo di coaguli di sangue:

“Così diventa parte della parete cellulare del tuo endotelio vascolare, il che significa che queste cellule, che rivestono i tuoi vasi sanguigni, che dovrebbero essere lisce in modo che il sangue scorra senza problemi, ora hanno questi piccoli pezzi appuntiti che spuntano fuori.

Quindi è assolutamente inevitabile che si formino dei coaguli di sangue, perché le tue piastrine circolano nei tuoi vasi e lo scopo delle piastrine è quello di individuare un vaso danneggiato e bloccare il danno quando inizia a sanguinare. Così, quando una piastrina attraversa un capillare e improvvisamente colpisce tutti questi picchi covidi che sporgono all’interno del vaso… si formeranno dei coaguli di sangue per bloccare quel vaso. È così che funzionano le piastrine”.

Utilizzando i dati di 7.965 individui, hanno scoperto che l’83% ha sperimentato eventi avversi locali mentre il 65% ha sperimentato eventi avversi sistemici. Quelli particolarmente a rischio includevano le donne, i giovani sotto i 20 anni – che spesso hanno sperimentato eventi avversi dopo la prima dose – e quelli che hanno sperimentato eventi avversi dopo la prima dose.

Tali informazioni sono cruciali per un corretto consenso informato, qualcosa che non solo è mancato durante la pandemia, ma è stato attivamente censurato. È incoraggiante vedere paesi come il Giappone che si distinguono nei loro sforzi per ottenere un quadro reale di quanto possano essere pericolosi i vaccini COVID-19. Come ha notato Health Thoroughfare:

“Secondo gli ultimi rapporti, il paese sta riaffermando il suo impegno per i requisiti di segnalazione degli eventi avversi per garantire che tutti i possibili effetti collaterali siano documentati. Questi sforzi da parte dell’autorità sanitaria giapponese sono in netto contrasto con le misure adottate da altri paesi per costringere i cittadini a prendere l’iniezione, minimizzando gli effetti collaterali e scoraggiando la corretta segnalazione degli eventi avversi”.

Andrebbero studiati dei rimedi alternativi per la cura del Covid-19

Andrebbero studiati dei rimedi alternativi per la cura del Covid-19

Diversi rimedi antimalarici tradizionali hanno dimostrato di affrontare efficacemente il COVID-19. Oltre ai farmaci idrossiclorochina e ivermectina, c’è anche l’Artemisia annua, da non confondere con Artemisia vulgaris, una pianta correlata ma moderatamente velenosa, nota in inglese come Sweet Wormwood.

L’Artemisia è una medicina tradizionale con proprietà antiparassitarie, antivirali e, si dice, anticancro. Nell’aprile 2020, la Cina ha aggiunto tre formule di medicina tradizionale cinese (MTC) al suo standard di cura per la COVID-19, tra cui una contenente l’Artemisia, chiamata Jinhua Qinggan. Tutte e tre le formule erano state precedentemente usate contro l’influenza stagionale, la SARS e l’influenza suina pandemica (H1N1) nel 2009. Come riportato da NutraIngredients-Asia, 24 aprile 2020:

“Il governo cinese ha ufficialmente riconosciuto tre formule MTC come parte della terapia standard per la COVID-19. Le tre formule – Lianhua Qingwen Capsule, Jinhua Qinggan Granule, e Xuebijing Injection – sono prodotti brevettati che sono già disponibili in commercio e sono stati testati su pazienti COVID-19 in ambienti clinici.”

I granuli di Jinhua Qinggan, che contengono Artemisia annua, caprifoglio, gesso, efedra, mandorla amara, baicalina, forsythia, fritillaria, semi di bardana, menta e liquirizia, è stato tradizionalmente usato nel trattamento della peste e delle malattie febbrili, ma la ricerca moderna ha anche confermato i suoi effetti antivirali.

In uno studio specifico sul COVID, i granuli di Jinhua Qinggan sono risultati alleviare significativamente la febbre, la tosse, la fatica, l’espettorato, l’ansia e la necessità di ricovero.

Nel maggio 2020, C&EN ha riferito che i ricercatori di diversi paesi stavano esaminando l’Artemisia come potenziale trattamento del COVID, e nel 2021, i ricercatori del Southwest College of Naturopathic Medicine di Tempe, Arizona, hanno identificato l’Artemisia annua come una delle migliori medicine a base di erbe contro il COVID, tra le 30 testate, in base alla sua capacità di inibire la replicazione del virus SARS-CoV-2.

I rimedi a base di erbe come l’Artemisia possono essere una valida aggiunta al tuo armadietto dei medicinali.
Una sperimentazione fatta in Pakistan mostra risultati positivi
Alcune di queste ricerche globali hanno dato i loro frutti all’inizio di quest’anno. Il 17 gennaio 2022, Reuters ha riferito che una sperimentazione in Pakista di granuli di Jinhua Qinggan era stata completata, con risultati positivi:

Le autorità sanitarie pakistane lunedì hanno annunciato il completamento di una sperimentazione clinica di successo della medicina tradizionale cinese a base di erbe per il trattamento del COVID-19, mentre la nazione dell’Asia meridionale entra nella quinta ondata della pandemia guidata dalla variante Omicron. La medicina cinese, Jinhua Qinggan Granules (JHQG) prodotta da Juxiechang (Beijing) pharmaceutical Co Ltd, è già usata nel trattamento dei pazienti COVID-19 in Cina. Poiché è stato provato su pazienti con diverse varianti di COVID-19, ci aspettiamo che sia efficace su Omicron come su altre varianti,

ha detto ai giornalisti il professor Iqbal Chaudhry, direttore dell’International Center for Chemical and Biological Science (ICCBS) dove sono state condotte le prove.

La sperimentazione pakistana ha incluso 300 pazienti COVID-positivi che sono stati trattati a casa per un’infezione da lieve a moderata. L’efficacia della medicina MTC è stata del 82,6%.

Nel febbraio 2022, dei ricercatori in Arabia Saudita hanno pubblicato un documento che descrive in dettaglio come uno dei suoi componenti principali, l’artemisina, e i suoi derivati inibiscono l’infezione da SARS-CoV-2. Come spiegato dagli autori:

“SARS-CoV-2 … si basa sulla proteina non strutturale Nsp1 per la moltiplicazione all’interno delle cellule ospiti e disarma le difese immunitarie dell’ospite con vari meccanismi … Il genoma di SARS-CoV-2 codifica per due grandi cornici di lettura aperte sovrapposte (ORF1a e ORF1b) nel gene 1, nonché diverse proteine accessorie strutturali e non strutturali.

SARS-CoV-2 dirotta il macchinario di traduzione della cellula infetta per produrre le poliproteine ORF1a e ORF1b, che vengono poi scisse proteoliticamente in sedici proteine non strutturali mature, ovvero da Nsp1 a Nsp16. La proteina non strutturale N-terminale 1 (Nsp1) è una di queste proteine …

Nsp1 sopprime tutti i meccanismi di difesa antivirali cellulari che si basano sull’espressione del fattore ospite, compresa la risposta dell’interferone. Questa soppressione dei componenti critici del sistema immunitario innato può aiutare la moltiplicazione del virus e l’evasione immunitaria. SARS-CoV Nsp1 è un bersaglio terapeutico promettente a causa della sua importante funzione nella soppressione della risposta immunitaria antivirale …Mentre gli studi hanno dimostrato l’importanza di Nsp1 come fattore chiave di virulenza nella patogenesi dell’infezione da SARS-CoV-2 e come bersaglio terapeutico, finora non sono stati riportati inibitori specifici di questo enzima. Quindi, utilizzando un metodo di docking molecolare e di dinamica molecolare, lo studio attuale indaga il potenziale dell’artemisinina e dei suoi derivati per inibire l’attività di SARS-CoV-2 Nsp1″.

In tutto, sono stati valutati l’artemisinina e nove derivati dell’artemisinina. Il Remdesivir è stato usato come farmaco di riferimento, poiché anch’esso si lega a Nsp1. Diversi composti dell’artemisia  sono risultati efficaci. Come riportato in questo studio:

“La SARS-CoV-2 combatte i meccanismi di difesa immunitaria dell’ospite sintetizzando la proteina Nsp1, un importante fattore di virulenza. La SARS-CoV-2 Nsp1, comunemente nota come fattore di arresto dell’ospite, inibisce l’espressione genica dell’ospite e le risposte immunitarie innate. Si tratta di un promettente bersaglio terapeutico poiché sopprime le risposte immunitarie antivirali dell’ospite …

L’artemisinina e i suoi derivati sono stati recentemente esplorati per la loro capacità di combattere l’infezione da SARS-CoV-2 grazie alle loro caratteristiche antinfiammatorie, immunoregolatorie e antivirali ad ampio spettro …

L’artemisinina e i suoi derivati si legano all’enzima bersaglio con energie di legame favorevoli e le interazioni sono mediate da legami idrogeno e interazioni idrofobiche. I tre leader identificati negli studi sono stati Artesunate, Artemiside e Artemisone che hanno dimostrato affinità di legame più elevate a Nsp1 rispetto al farmaco di riferimento.

I composti mostrano proprietà favorevoli simili ai farmaci. Le simulazioni di dinamica molecolare … rivelano che l’Artesunate ha causato significativamente cambiamenti conformazionali nella proteina bersaglio e si è legato stabilmente ad essa tramite interazioni di legame idrogeno”.

Alla fine del 2020, una collaborazione tra i ricercatori della Columbia University, dell’Università di Washington e del Worcester Polytechnic Institute ha dimostrato che un estratto di acqua calda di Artemisia annua aveva un’attività antivirale contro la SARS-CoV-2. Gli estratti sono stati testati sul virus propagato in cellule umane.

I ricercatori hanno usato estratti provenienti da quattro diversi continenti, che hanno tutti dimostrato un’attività antivirale contro la SARS-CoV-2, comprese due delle varianti allora più recenti. Anche se non sembrava bloccare l’ingresso del virus nella cellula, l’estratto ha diminuito la risposta infiammatoria e ha inibito l’infezione “prendendo di mira una fase post-entrata”.

I ricercatori hanno ipotizzato che il componente attivo dell’estratto possa essere in realtà qualcosa di diverso dall’artemisinina, o che agisca sinergicamente con qualche altro componente per bloccare l’infezione post-entrata.

È interessante notare che i dati hanno rivelato che le concentrazioni potrebbero variare di quasi 100 volte ed essere ancora efficaci. In un’intervista con Spectrum News 1, uno dei ricercatori ha notato che11 “questo sembra che potrebbe essere una terapia [contro COVID] e molto facile da implementare a livello globale …”

Altri studi suggeriscono che l’artemisinina può aiutare nel trattamento della COVID inibendo l’attività di alcuni enzimi, stimolando l’immunità adattativa, abbassando le citochine proinfiammatorie, e riducendo la risposta infiammatoria e attenuando la fibrosi.

L’Artemisia annua è anche bioattiva contro altri virus, tra cui il citomegalovirus, l’epatite B e C, e i membri della famiglia degli herpes, tra cui l’herpes virus tipo 1 e l’Epstein-Barr. Trattare i sintomi di COVID immediatamente e in modo aggressivo potrebbe essere la carta vincente.

Il fatto che esistano rimedi da banco facilmente reperibili contro la COVID-19 è una buona notizia. Tuttavia, non serve a nulla, a meno che tu non ci siano quando se ne ha bisogno. Bisogna applicare un trattamento aggressivo immediatamente al primo segno di sintomi.

 

 

Provate le proprietà anti-virali del Miele. Il Manuka è il più potente.

Provate le proprietà anti-virali del Miele. Il Manuka è il più potente.


Il miele è apprezzato in tutto il mondo come uno degli alimenti più deliziosi della natura, ma sapevate che può avere anche una potente attività anti-influenzale?

Un nuovo affascinante studio pubblicato negli Archives of Medical Research intitolato, “Anti-influenza Viral Effects of Honey In Vitro: Potent High Activity of Manuka Honey,” rivela che il miele può effettivamente fornire un’alternativa naturale ai farmaci anti-influenzali, ma senza i famigerati effetti collaterali associati a questa classe di farmaci che include Tamiflu.

Lo studio ha testato un ceppo di influenza H1N1 comunemente ricercato noto come A/WSN/3, infettando le cellule di rene canino MadineDarby (MDCK) con il virus, e poi esponendole a varie forme di miele, tra cui manuka (L. scoparium), soba (F. esculentum; grano saraceno), kanro (melata), acacia (R. pseudoacacia), e renge (A. sinicus).

Potenti proprietà antivirali del miele contro l’influenza

Gli effetti anti-influenzali dei campioni di miele sono stati valutati coltivando le cellule MDCK in piastre a 48 pozzetti e infettandole con il virus dell’influenza in presenza di campioni di miele diluiti in serie 2. Due giorni dopo l’infezione, le cellule sono state fissate e colorate per accertare il grado in cui hanno impedito l’effetto citopatico (cioè il grado in cui l’infezione da virus dell’influenza ha causato la morte e il distacco delle cellule dalla piastra) del virus dell’influenza.

Tutti i campioni di miele testati hanno soppresso l’infettività virale in modo dose-dipendente, indicando la loro attività antivirale, con il miele di manuka che mostra la maggiore potenza. Lo studio ha anche testato se il miele di manuka è in grado di inibire direttamente la crescita del virus dell’influenza attraverso quello che è noto come il saggio di inibizione della placca, come determinato attraverso i seguenti 4 metodi:

Pretrattamento delle cellule: Aggiunta di manuka alle cellule per 1 h e successivo lavaggio prima dell’infezione virale.

Pretrattamento del virus: Mescolando la manuka con la sospensione del virus dell’influenza per 1 ora prima dell’infezione virale

Trattamento durante l’infezione: Aggiunta di manuka durante l’adsorbimento del virus per 1 ora e successivamente lavata via

Trattamento dopo l’infezione: Aggiunta di manuka ai gel di agarosio

L’effetto più potente è stato esibito con il pretrattamento del virus stesso, indicando che la manuka ha potenti proprietà antivirali. Riduzioni moderate del numero di placche sono state osservate al trattamento delle cellule con il miele durante e dopo l’infezione. L’unico metodo che non ha dimostrato un’inibizione della crescita è stato il pretrattamento delle cellule.

Effetto sinergico del miele con i farmaci antivirali convenzionali.

Lo studio ha anche esaminato le proprietà sinergiche del miele di Manuka in combinazione con i farmaci antivirali convenzionali della classe degli inibitori della neuraminidasi noti come Relenza (zanamivir) e Tamiflu (oseltamivir). I ricercatori hanno commentato:

“Un uso combinato di composti antivirali sinergicamente attivi che hanno diversi meccanismi d’azione può fornire vantaggi rispetto ai trattamenti a singolo agente”.

Come funziona il miele e ulteriori implicazioni

Nella sezione di discussione del documento, i ricercatori hanno sottolineato che le attività antivirali dei mieli testati sono probabilmente attribuibili in parte alla presenza di una vasta gamma di sostanze fitochimiche contenute al loro interno, soprattutto acidi fenolici e flavonoidi. Ricerche indipendenti hanno già confermato le proprietà antimicrobiche della rutina e della crisina, che si trovano in concentrazioni rilevanti nella maggior parte dei mieli di grano saraceno e di acacia. Il miele di Manuka, d’altra parte, contiene un composto noto come methylglyoxal, che si trova in concentrazioni circa 20-160 volte superiori a qualsiasi altro miele ancora testato, e che è già stato verificato per avere proprietà antivirali nel virus dell’afta epizootica.

Gli autori dello studio hanno commentato che viviamo in un momento in cui c’è un urgente bisogno di nuovi farmaci anti-influenzali. Hanno sottolineato che, “Poiché i composti o gli estratti di piante che mostrano attività virucida hanno un ampio spettro, è possibile che l’attività virucida del miele di manuka sia efficace contro i virus H5N1 e H7N9”, che sono considerati virus altamente patogeni.

I ricercatori hanno concluso il loro studio con una nota promettente:

“In conclusione, i risultati ottenuti hanno dimostrato che il miele, in generale, e in particolare il miele di manuka, ha una potente attività inibitoria contro il virus dell’influenza, dimostrando un possibile valore medicinale. Ulteriori indagini sono necessarie per identificare i componenti antivirali attivi nel miele di manuka e per determinare i suoi effetti sinergici con i farmaci antivirali conosciuti.”

Alternative naturali anti-influenzali abbondano

Questo studio è uno delle centinaia esistenti oggi sul ruolo potenziale dei composti naturali nella prevenzione dell’infezione, e riducendo la morbilità e la mortalità, contro l’influenza. GreenMedInfo.com ha raccolto più di 100 studi di questo tipo che dettagliano il ruolo degli interventi naturali in questa epidemia stagionale. Alcuni interventi evidenziati includono:

Vitamina D: l’esposizione alla luce solare è di fondamentale importanza per sostenere l’immunità naturale contro l’influenza. Infatti, nota come “ipotesi dello stimolo stagionale”, l’influenza stagionale può essere scatenata ogni anno durante i mesi autunnali e invernali (soprattutto nelle latitudini più alte e più basse), a causa della minore disponibilità di luce solare e di un conseguente crollo dei fattori immunitari dipendenti dalla produzione di vitamina D indotta dalla luce solare. A questo proposito, uno studio ha scoperto che la semplice aggiunta di un supplemento di vitamina D è efficace nel prevenire l’influenza stagionale A nei bambini in età scolare, riducendo il rischio del 59%. Come risultato secondario nei bambini con una precedente diagnosi di asma, gli attacchi di asma si sono verificati in 2 bambini contro i 12 che non hanno preso la D. C’è anche la prova che i livelli più bassi di radiazione solare ultravioletta-B (e la vitamina D) sono stati fattori significativi nel ridurre i tassi di mortalità dalla pandemia di influenza 1918-1919 negli Stati Uniti.
Bacche di sambuco: qualcosa di semplice come una bacca viola può migliorare le vostre possibilità di prevenire e combattere l’influenza. Uno studio del 2004 ha scoperto che il sambuco era un trattamento sicuro ed efficace per entrambi i ceppi A e B dell’influenza, migliorando il tempo di recupero dall’influenza nel 93,3% del gruppo trattato con sambuco entro 2 giorni, ed entro 6 giorni nel 91,7% del gruppo di controllo. Un altro studio del 2004 ha scoperto che il sambuco ha alleviato i sintomi dell’influenza in media 4 giorni prima di quelli che hanno ricevuto un placebo. La ricerca cellulare ha anche dimostrato che i flavonoidi del sambuco si legano all’infezione H1N1 e la prevengono.

Tè verde: Si è scoperto che bere tè verde riduce l’incidenza dell’infezione influenzale nei bambini delle scuole giapponesi. È stato anche trovato sicuro ed efficace in adulti sani (18-70) per prevenire i sintomi dell’influenza e per migliorare la funzione delle cellule T. Si è anche scoperto che il tè verde contiene composti che inibiscono i due principali mezzi molecolari con cui l’influenza entra nella cellula per infettarla.

Riferimenti
[1] Ghizatullina NK. Effetto del gliossale di metile sull’infettività e l’antigenicità del virus dell’afta epizootica. Acta Virol 1976;20:380-386. [2] Hope-Simpson RE. Il ruolo della stagione nell’epidemiologia dell’influenza. Journal of Hygiene. 1981;86:35-47. [PMC articolo libero] [PubMed] [3] Mitsuyoshi Urashima, Takaaki Segawa, Minoru Okazaki, Mana Kurihara, Yasuyuki Wada, Hiroyuki Ida. Studio randomizzato di integrazione di vitamina D per prevenire l’influenza stagionale A negli scolari. Am J Clin Nutr. 2010 maggio;91(5):1255-60. Epub 2010 Mar 10. PMID: 20219962 [4] William B Grant, Edward Giovannucci. I possibili ruoli della radiazione solare ultravioletta-B e vitamina D nel ridurre i tassi di mortalità dalla 1918-1919 pandemia influenzale negli Stati Uniti. Dermatoendocrinol. 2009 Jul;1(4):215-9. PMID: 20592793 [5] Z Zakay-Rones, N Varsano, M Zlotnik, O Manor, L Regev, M Schlesinger, M Mumcuoglu. Inibizione di diversi ceppi di virus dell’influenza in vitro e riduzione dei sintomi da parte di un estratto di sambuco (Sambucus nigra L.) durante un’epidemia di influenza B Panama. J Altern Complement Med. 1995 Winter;1(4):361-9. PMID: 9395631 [6] Z Zakay-Rones, E Thom, T Wollan, J Wadstein. Studio randomizzato sull’efficacia e la sicurezza dell’estratto orale di sambuco nel trattamento delle infezioni da virus A e B dell’influenza. J Int Med Res. 2004 Mar-Apr;32(2):132-40. PMID: 15080016 [7] Bill Roschek, Ryan C Fink, Matthew D McMichael, Dan Li, Randall S Alberte. I flavonoidi di sambuco si legano e prevengono l’infezione H1N1 in vitro. Phytochemistry. 2009 12 agosto. PMID: 19682714 [8] Mijong Park, Hiroshi Yamada, Kumi Matsushita, Shinya Kaji, Takahiro Goto, Yuko Okada, Kazuhiro Kosuge, Toshiro Kitagawa. Il consumo di tè verde è inversamente associato con l’incidenza di infezione influenzale tra gli scolari in una zona di piantagione di tè del Giappone. J Nutr. 2011 Oct ;141(10):1862-70. Epub 2011 Aug 10. PMID: 21832025 [9] Cheryl A Rowe, Meri P Nantz, Jack F Bukowski, Susan S Percival. Formulazione specifica di Camellia sinensis previene i sintomi del raffreddore e dell’influenza e migliora la funzione delle cellule T gamma, delta: uno studio randomizzato, in doppio cieco, controllato con placebo. J Am Coll Nutr. 2007 Oct;26(5):445-52. PMID: 17914132 [10] Jae-Min Song, Kwang-Hee Lee, Baik-Lin Seong. Effetto antivirale delle catechine nel tè verde sul virus dell’influenza. Antiviral Res. 2005 Nov;68(2):66-74. Epub 2005 Aug 9. PMID: 16137775 [11] Kai Siedler, Heino Skopnik. Oseltamivir per il trattamento dell’influenza nei bambini di meno di un anno: un’analisi retrospettiva. Pediatr Infect Dis J. 2010 Jun;29(6).